Il dialetto

L'elenco seguente illustra alcuni detti tipici di Palombara e delle zone limitrofe.
Per approfondire l'argomento, potete fare riferimento a Dialetto e poeti abruzzesi

Tra Rote e Pilate
[Trad. "Tra Erode e Pilato". Indica una persona che sta tra due fuochi]
Cento de gnente accid˛ l'asino
[Trad. "Cento di niente uccise l'asino"]
Chi no chi sci tutti arpýenu a li si
[Trad. "Trad. "Chi pi¨ chi meno, tutti i figli assomigliano ai propri genitori"]
Attacca l'asino nd˛ v˛ 'lpadron
[Trad. "Metti l'asino dove vuole il padrone". Rimettiti alla volonta' del padrone]
Li sordi mannano l'acqua a nammonte e annabballe
[Trad. "I soldi mandano l'acqua in salita e in discesa"]
Arpiali pinni arpiliti
[Trad. "Raccogli la biancheria asciutta"]
Chi pecora se fa, lu lupo se lu magna
[Trad. "Chi si fa pecora, il lupo se la mangia"]
Il padre secco secco, la madre 'ntorcinata, la figlia tanto bella che tutti si innamorano
[Trad:"Il padre secco, la madre attorcigliata, la figlia cosý bella, che tutti se ne innamorano". L'uva e la vite
Capo bianco, semenza nera, due la guardano, cinque la mena
[Trad:" "]
Sul prato pasce, sull'erba nasce, il vivo porta il morto e il morto canta
[Trad:" "]

ULTIMO FOTO INSERITA

(Inserita il 2012-07-15)

Visualizza tutte le foto